Sei qui: Home Archivio notizie

Terza Festa dell'Emigrato

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail

balloonsGrande successo per la terza "Giornata dell'emigrato", organizzata da Amministrazione Comunale, Pro loco in collaborazione con l'associazione Polesani nel mondo.
La giornata di domenica 9 luglio è iniziata con l'accoglienza delle autorità presso la sede municipale, dove il sindaco Antonella Mantovani ha dato il benvenuto a tutti i ficarolesi che hanno lasciato il paese per i più svariati motivi. C'erano persone arrivate da diverse città del nord Italia: da Milano, Torino o dalla più vicina Ravenna, ma anche dai paesi vicini, distanti solo pochi chilometri.
Presente il consiglio comunale praticamente al completo. Dopo il saluto di benvenuto del sindaco Antonella Mantovani è seguito il saluto di monsignor Valentino Tonin, presidente dell'associazione "Polesani nel Mondo".
In conclusione, dopo lo scambio dei doni, ogni emigrato ha apposto la propria firma sul "Libro d'Onore" del Comune di Ficarolo ed ha ricevuto un attestato di partecipazione mentre. Alle 18:30 presso la chiesa parrocchiale di Sant'Antonino Martire è stata officiata dal parroco monsignor Giancarlo Crepaldi e da monsignor Tonin, la Santa Messa.
Il momento più affollato ed apprezzato è stato senza dubbio la cena in piazza, offerta gratuitamente a centinaia di persone, cittadini, emigrati e ai tanti provenenti da paesi vicini. Un allegro convivio basato sulla compagnia e sulla semplicità, dove è stato offerto risotto a volontà, magistralmente cucinato dai maestri risottai di Villimpenta (Mantova), dolci tipici e un buon bicchiere di vino.
Ma domenica è stato pure il giorno della finale dei campionati del mondo di calcio, con il match tra Francia e Italia che ha visto trionfare i nostri azzurri. La partita è stata seguita in piazza da centinaia di persone, assiepate sulle sedie davanti al maxischermo o sedute ai tavoli, tutti in trepidante attesa e con la speranza, poi premiata, di uscire vittoriosi. Dopo il rigore messo a segno da Grosso è stato un tripudio di bandiere, urla e manifestazioni di gioia in tutto il paese.
A chiudere la serata la musica del tenore Roberto Cavalieri Gramanti.